Semi di chia: usi e valori nutrizionali

Sono un elemento jolly per tante preparazioni oltre a svolgere funzioni estremamente utili al corpo . Scopriamo insieme i semi di chia!

Sono semini neri tanto piccoli quanto enormemente benefici: i semi di chia. Si prestano per svariate preparazioni culinarie e possono essere consumati sia interi, sotto forma di farina o si possono utilizzare per ricavarne del prezioso gel dalle mille proprietà.

I semi di chia affondano le radici del loro utilizzo nel lontano e grandioso impero Azteco durante il quale erano considerati talmente preziosi da essere utilizzati per le offerte sacre agli dei.

Oggi il loro utilizzo è arrivato anche nelle tavole italiane, infatti i semi interi sono sempre più spesso presenti nelle finiture di colazioni iper nutrienti, di insalate, nelle barrette e pasti sostitutivi. La farina che si ottiene dalla loro macinazione, viene spesso utilizzata nella preparazione sia di impasti di pane, biscotti e in generale di ricette dietetiche come pudding, porridge e pancake. Il motivo di tale accoglienza da parte di chi cucina in modo salutare è da ricercare soprattutto nei vantaggi che l’aggiunta di semi di chia apporta alle ricette; arrivando a sostituire fino al 25% di olio e uova si otterrà infatti

  • Un’introito calorico minore
  • Una gestione migliore dell’indice glicemico
  • Un apporto di fibra solubile
  • Un apporto di Omega3 e calcio

Un altro punto a favore di questi fantastici semini è l’azione benefica che svolgono nei confronti dell’intestino riducendo gonfiore, gas e promuovendo la peristalsi.

A svolgere azione di collante per gli impasti di prodotti da forno e ad aiutare l’intestino è il gel che viene secreto. Per ottenere e utilizzare il gel di semi di chia basta semplicemente tenerli in ammollo anche solo per un quarto d’ora e il vostro gel è pronto per essere utilizzato!